Guida dei vini del Lago Trasimeno

Nella zona dei “Colli del Trasimeno la coltura della vite ha origini antichissime e nel 1972 ha conquistato la Denominazione di Origine Controllata che attesta l’altissima qualità dei vini.

La denominazione dei “Colli del Trasimeno” è riservata esclusivamente a vini bianchi, rossi e rosati che rispondono a caratteristiche ben precise, come ad esempio:

  • l’utilizzo di metodi di produzione che non modifichino in nessun modo le caratteristiche delle uve e dei vini;
  • l’ubicazione del vigneto, che non sia né a fondo valle né superiore ai 550 metri sul livello del mare;
  • le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti, che restino quelle tradizionali della zona e conferiscano quindi alle uve e ai vini le specifiche caratteristiche di qualità;

e molte altre ancora.

La zona di produzione dei vini dei “Colli del Trasimeno” comprende i comuni di Castiglione del Lago, Città della Pieve, Paciano, Piegaro, Panicale, Perugia, Corciano, Magione, Passignano sul Trasimeno e Tuoro sul Trasimeno.

Nella categoria “Colli del Trasimeno” troviamo cinque tipologie di vino rosso (Rosso, Rosso Scelto, Rosso Riserva, Frizzante e Novello), quattro tipologie di vino bianco (Secco, Bianco Scelto, Frizzante e Vin Santo), uno Spumante Classico Bianco e uno Rosè e diversi monovitigno (Grechetto, Merlot e Merlot Riserva, Cabernet Sauvignon e Cabernet Sauvignon Riserva, Gamay e Gamay Riserva).

Tra i più conosciuti di questa denominazione troviamo il “Colli del Trasimeno Rosso”, ideale per accompagnare piatti strutturati, come ad esempio antipasti di salumi tipici, pasta con sughi di carne o ragù, oppure porchetta e formaggi di stagionatura media, o ancora secondi di carne cotta alla cacciatora.
La temperatura ideale per essere servito va tra i 16° e i 18° C in calici per vini strutturati e deve essere consumato entro due, massimo tre anni dalla vendemmia.

Per quanto riguarda invece la categoria dei bianchi, uno dei vini più apprezzati per accompagnare pietanze di pesce è il “Colli del Trasimeno Bianco Secco”, ideale per antipasti magri, zuppe di pesce con sughi leggeri, pesce di lago alla griglia o arrosto, filetti di pesce con burro e salvia.
La temperatura ideale per servirlo va dai 10° e i 12° in un calice svasato.


Scroll